I grandi bomber dei campionati d’Europa

Battendo il record di 251 gol nel campionato spagnolo di Telmo Zarra, Lionel Messi ha ribadito ancora una volta di essere una leggenda del gol. UEFA.com, tuttavia, ha scoperto che l’attaccante 27enne dovrà fare ancora molta strada per superare i migliori marcatori di alcuni tra i vari campionati nazionali europei.

Inghilterra: Jimmy Greaves (1957–71) – 357 gol
“Quando scendevo in campo a White Hart Lane, a Wembley o da qualunque altra parte, mi trasformavo – ha ricordato il giocatore più prolifico nella storia del campionato inglese -. Uscito dal tunnel, non ero più io”. Protagonista con Chelsea FC, Tottenham Hotspur FC e West Ham United FC, Greaves era effettivamente “posseduto” dal calcio, basta paragonare i suoi numeri con quelli dell’attuale miglior marcatore della Premier League, Wayne Rooney del Manchester United FC: 177 gol in 12 anni.

Germania: Gerd Müller (1965–79) – 365 gol
L’attaccante definitivo: ‘Der Bomber’ ha stabilito un record difficilmente battibile per i prossimi cannonieri della Bundesliga con 365 gol in 427 gare. Claudio Pizarro, attualmente il diretto rivale, è fermo a soli 176. Il feeling con il gol dell’uomo che regalò alla Germania Ovest il successo in finale alla Coppa del Mondo FIFA 1974 fu fondamentale per trasformare l’FC Bayern München in un colosso del calcio planetario. Franz Beckenbauer sottolinea spesso: “Senza i gol di Gerd, probabilmente sarebbe stata una storia diversa”.

Italia: Silvio Piola (1929–54) – 274 gol
“Ancora oggi non so dire se calciasse meglio con il destro o con il sinistro”, disse un giorno il Ct dell’Italia Vittorio Pozzo in merito al giocatore che propiziò il successo azzurro alla Coppa del Mondo del 1938 . “Non avevo paura di niente, una qualità che all’epoca era fondamentale”, ribadì invece Piola, protagonista con FC Pro Vercelli, SS Lazio, Torino FC, Juventus e Novara Calcio, ma mai vincitore dello Scudetto. Il capitano dell’AS Roma Francesco Totti punta a superare il suo record, ma con 237 gol segnati finora, potrebbe dover giocare a 41 anni per riuscirci, proprio come Piola stesso.

Portogallo: Fernando Peyroteo (1937–49) – 332 gol
“Dotato di gran fisico, buona velocità e ottimo tiro, Peyroteo non ha avvertito nessun tipo di emozione al suo debutto, come dimostrano i due gol segnati”. Con queste parole, Stadium descrisse l’esordio dell’allora 19enne attaccante dello Sporting Clube de Portugal, nel 1937 contro l’SL Benfica. Peyroteo mise a segno tutti i suoi gol, compresi nove in una sola partita, in appena 197 gare, per poi ritirarsi a 31 anni con queste parole: “Sono un soldato e un soldato non può non compiere il suo dovere, ma ormai mi sento un vecchio soldato non più in grado di aiutare come vorrebbe la propria squadra”.

Francia: Delio Onnis (1971–86) – 299 gol
Nato in Italia e cresciuto in Argentina, Onnis non ha mai giocato in nazionale ma ha sempre segnato per Stade de Reims, AS Monaco FC, Tours FC e SC Toulon. E’ fiducioso che il suo record “durerà a lungo”. Il suo più vicino inseguitore in Ligue 1, del resto, è Djibril Cissé con 99 gol. “Dieci anni nello stesso campionato non è una cosa comune oggi”, ricorda Onnis sottolineando di aver avuto molte occasioni per trasferirsi all’estero in carriera.

Russia e Ucraina: Oleg Blokhin: (1972–87) – 211 gol
I numeri di Blokhin nell’epoca sovietica mettono in ombra i suoi successori nei campionati post URSS; l’attuale capocannoniere in Russia, il 31enne Aleksandr Kerzhakov ha segnato 138 gol, mentre in Ucraina il bomber è il 36enne Maksim Shatskikh. Vincitore del Pallone d’Oro 1975, Blokhin fu capocannoniere del campionato sovietico cinque volte con l’FC Dynamo Kyiv. “E’ alla continua ricerca del suo obiettivo: il gol”, disse di lui il tecnico Valeriy Lobanovskiy. “Dietro ogni suo gol c’è tanto lavoro in allenamento, impegno totale e anni di stile di vita spartano”.

Olanda: Willy van der Kuijlen (1964–82) – 311 gol
Van der Kuijlen, ‘Mister PSV’, ha segnato 308 gol con il PSV Eindhoven e gli altri tre con il MVV Maastricht. Ha vinto tre campionati con il PSV con cui ha sollevato anche la Coppa UEFA del 1977/78 segnando nel 3-0 in casa contro l’SC Bastia dopo lo 0-0 in Francia. “Quando segni un gol come quello resta per sempre nella tua memoria”, ricorda l’ex attaccante conosciuto come ‘Skiete Willy’ (Tira Willy).

Belgio: Albert De Cleyn (1932–55) – 377 gol
‘Bert’ De Cleyn giocò per un solo club, l’FC Malinois – ora KV Mechelen – dal 1932 al 1955. Avrebbe segnato altri gol se il campionato belga non fosse stato interrotto per tre stagioni per la guerra. Una volta ne segnò addirittura sette contro l’R. Racing Club de Bruxelles regalando alla sua squadra il titolo del 1943. Il sito del club ricorda quella partita: “Fu spontaneamente preso sulle spalle dai compagni e gli venne regalato un mazzo di fiori”.

Source/Fonte d’informazioni: UEFA.com